Bollette: perché chi è in Maggior Tutela pagherà di più da Ottobre?

Bollette: perché chi è in Maggior Tutela pagherà di più da Ottobre?

I rincari colpiranno solo chi è rimasto nel mercato “tutelato” (come i clienti del Servizio Elettrico Nazionale) e chi ha scelto una tariffa a prezzo variabile

Uno dei temi più discussi in questo autunno 2021 è proprio il caro bollette e il caro petrolio. La batosta è stata pesante, tanto da costringere il Governo ad interventi mai visti in precedenza, come l’eliminazione temporanea degli oneri di sistema sulla luce e l’abbattimento dell’IVA sul gas metano, oltre ad un potenziamento del Bonus Sociale per le famiglie bisognose.

Tuttavia, per quanto il governo si stia sforzando di trovare soluzioni anche a livello comunitario per contenere i rincari (mediante la realizzazione di reti di approvigionamento con altri stati dell’unione europea), gli aumenti saranno imminenti e importanti e colpiranno soprattutto i cittadini che sono rimasti nel mercato “tutelato”, sperando ingenuamente di essere davvero tutelati.

 

Mercato “Tutelato” o Mercato Libero? Dove si risparmia?

La realtà, soprattutto in questo ultimo trimestre 2021, è che i clienti del mercato tutelato subiranno una batosta senza precedenti. I clienti del Servizio di maggior tutela, come i clienti del Servizio Elettrico Nazionale, subiranno passivamente i rincari di energia elettrica e gas metano, perché i prezzi stanno crescendo sui mercati internazionali.

Ma perché i clienti del mercato libero saranno, invece, “tutelati” dai rincari? Molto semplicemente perché la maggior parte dei contratti nel mercato libero prevede una tariffa a prezzo fisso e vincolato per almeno 12 mesi. Per questo semplice motivo, tutti i clienti che hanno sottoscritto, seguendo i nostri consigli, una tariffa del mercato libero a partire dalla primavera, si ritrova con un prezzo dell’energia elettrica e del gas metano molto basso e, soprattutto, fisso e bloccato per almeno un anno, affrontando questo inverno in assoluta serenità.

 

Mercato Libero = Doppio Risparmio!

Anzi, possiamo affermare con certezza che chi è passato al mercato libero avrà un doppio risparmio:

  1. risparmio sulla componente energia e materia prima, avendo un prezzo già conveniente
  2. risparmio sulle altre voci in bolletta, visto che l’abbattimento di Oneri generali e IVA riguarda tutti i clienti, siano essi nel mercato tutelato che nel mercato libero

Inoltre è importante ricordare che anche i cittadini passati al mercato libero, se rientrano nei parametri previsti dalla legge, possono beneficiare del Bonus sociale bollette (semplicemente compilando la DSU per l’emissione della certificazione ISEE). Questo vuol dire che, per i beneficiari del bonus sociale che sono passati al mercato libero, le bollette saranno ancora più leggere (il Bonus bollette è uno sconto che viene applicato sul totale delle bollette, quindi più sono basse le bollette, più lo sconto dovuto al bonus abbassa il totale da pagare).

 

Sei Ancora nel Mercato Tutelato? Ti aiutiamo noi!

Se sei ancora cliente di (Enel) Servizio Elettrico Nazionale o di un altro fornitore in maggior tutela (ricorda che il SEN, ex ENEL, chiuderà comunque nel 2023 e sarà comunque obbligatorio il passaggio al mercato libero), puoi ancora correre ai ripari, attivando, ancora per pochi giorni, le tariffe del mercato libero che ti consentono di risparmiare.

Ma bisogna affrettarsi. I fornitori del mercato libero stanno ritirando dal mercato le offerte “troppo convenienti per i clienti” e il rischio è che tra pochi giorni le tariffe davvero molto convenienti vengano tutte ritirate. Per cui affrettati. Chiamaci allo 06 90202514 o sfrutta in nostri comparatori per scoprire le tariffe più convenienti del mese.

Compara le Migliori Tariffe Luce ed Energia Elettrica
Confronta le Migliori Tariffe Gas Metano

 

Esistono altri modi per Risparmiare sulle Bollette?

Se trovare una tariffa e un fornitore più conveniente non ti sembra una soluzione valida per risparmiare, l’unica vera alternativa è quella di ripensare i consumi in casa, in due modi:

  1. riducendo gli sprechi
  2. autoproducendo l’energia di cui si ha bisogno

Gli sprechi si riducono installando impianti di ultima generazione, che abbattono i consumi di energia e gas, facendo sgonfiare le bollette.

Se poi, oltre a ridurre gli sprechi, si installa un impianto fotovoltaico, si riduce drasticamente l’approvvigionamento dalla rete elettrica nazionale e si può riscaldare la casa con un impianto di riscaldamento elettrico.

Per quanto gli investimenti siano onerosi, ci sono tanti incentivi che consentono di rendere la casa più efficiente e più autonoma energeticamente.

Per avere maggiori informazioni, contattaci allo 06 90202514 o effettua delle simulazioni di risparmio con i nostri simulatori online gratuiti.