Trasloco Utenze Luce e Gas: Procedure e Costi

Trasloco Utenze Luce e Gas: Procedure e Costi

Come volturare e allacciare nuove utenze luce e gas metano dopo aver cambiato casa

Il trasloco rappresenta sempre un momento delicato, perché bisogna fare attenzione a mille aspetti diversi. Con questa piccola guida, cerchiamo di aiutarvi a non perdervi tra i vari adempimenti relativi alle utenze luce e gas da attivare e da chiudere, sia nella nuova casa che nella vecchia abitazione.

Trasloco e utenze luce e gas: muovetevi per tempo!

Quando si cambia casa, sono fondamentalmente due le situazioni da gestire riguardo alle utenze domestiche, e cioè la cessazione del contratto luce e gas nell’abitazione che ci si accinge a lasciare, e l’attivazione della fornitura luce e gas nella nuova casa.

A questo proposito vogliamo innanzitutto consigliarvi di muovervi per tempo per attivare le utenze nella nuova casa. Poiché, infatti, i tempi di attivazione sono brevi ma non immediati, è meglio inviare le relative richieste di attivazione qualche settimana o anche un mese prima rispetto alla data in cui pensate di trasferirvi effettivamente.

Inoltre, assicuratevi sempre che la nuova fornitura nella vostra prossima casa sia andata a buon fine, prima di richiedere la disattivazione delle utenze in quella vecchia: in questo modo, non correrete il rischio che ci siano dei giorni in cui entrambe le abitazioni siano sfornite di luce e gas!

Nuova abitazione: è presente il contatore?

Passiamo ora ad esaminare le procedure da affrontare per ottenere la fornitura di luce e gas nella vostra nuova casa in occasione del trasloco.

Innanzitutto, occorre distinguere il caso in cui si tratti di una nuova costruzione, da quello in cui l’abitazione era precedentemente occupata da un altro inquilino.

Nel primo caso, infatti, sarà necessario richiedere la prima attivazione ad un fornitore di propria scelta. Bisognerà controllare, in particolare, se l’impresa costruttrice ha già provveduto a dotare la casa di un proprio contatore, perché in mancanza, i tempi per i lavori di allacciamento degli impianti domestici alla rete di distribuzione potrebbero essere leggermente più lunghi.

In ogni caso, potrai richiedere l’allacciamento attraverso il tuo nuovo fornitore, che contatterà direttamente il distributore. L’operazione, in sé, potrà comportare tempistiche superiori al mese e un costo di alcune centinaia di euro.

Se c’è già il contatore in casa

Se invece nella nuova casa è già presente un contatore, sarà sufficiente richiedere al fornitore la prima attivazione dell’utenza. Si tratta del momento perfetto per scegliere l’operatore con le offerte luce e gas più convenienti. Ovviamente, oltre alle tariffe praticate, andranno analizzati anche i costi relativi all’attivazione stessa.

Generalmente, se si sceglie il regime di maggior tutela nel settore luce, i costi di prima attivazione si aggirano sui 70 EUR, mentre tra i vari operatori del mercato libero i costi sono differenti a seconda dell’operatore.

A questo scopo, potete consultare il nostro comparatore di tariffe luce per scoprire l’offerta cha fa per voi.Analogo discorso va fatto per la fornitura di gas, con costi di attivazione che dipendono dalla potenza termica complessiva che viene scelta.

Se prima c’era un altro inquilino: subentro e voltura

Fin qui abbiamo analizzato il caso in cui voi siate i primi ad abitare nella nuova casa. Se invece vi ha preceduto un altro inquilino, le procedure da seguire sono altre.

Se questi ha provveduto a cessare il suo contratto di fornitura, dovrete chiedere una nuova attivazione, cioè il subentro nella fornitura di luce e gas presso quella determinata abitazione. Non sarà difficile accorgervi di questa circostanza: basterà pigiare un interruttore e verificare se la luce si accende o meno!

I costi non si scostano da quelli sopra esaminati, con riguardo alla prima attivazione, e a vostro vantaggio c’è la possibilità di scegliere a piacimento il nuovo fornitore di utenze domestiche.

Se invece il vecchio inquilino non ha disdetto il suo contratto, la procedura da seguire sarà quella della voltura: dovrete, cioè, chiedere al vecchio inquilino quale sia il fornitore, contattare quest’ultimo e chiedere di intestare a voi il contratto esistente.

In questa occasione avrete la possibilità di aderire ad una diversa offerta dello stesso operatore, e nulla vi vieta di passare ad un diverso fornitore senza costi aggiuntivi, anche dopo aver ricevuto la prima bolletta.

I costi relativi al subentro e alla voltura variano, a seconda che si scelga il regime di maggior tutela o un operatore del mercato libero. Anche a questo proposito, vi evidenziamo la convenienza dei costi praticati da Wekiwi in relazione a queste operazioni. Consultate il nostro comparatore di tariffe luce e gas per scegliere l’operatore più in linea con le vostre esigenze.
Se invece, dopo di voi, entrerà un nuovo inquilino, fornitegli il nome del vostro fornitore ed accertatevi che venga avviata la procedura di voltura delle utenze domestiche, se non vorrete ritrovarvi a pagare le bollette relative all’utilizzo di luce e gas compiuto dal nuovo inquilino!

Con questi pochi, utili consigli, siamo convinti che adesso il trasloco vi farà un po’ meno paura. In presenza di dubbi, comunque, non esitate a contattarci al nostro numero verde o lasciate i vostri dati nell’apposito form, per parlare con un nostro operatore qualificato, che sarà in grado di consigliarvi per il meglio e di guidarvi nelle procedure e nella scelta del fornitore più conveniente.

Confronta le Migliori Tariffe Gas Metano
Compara le Migliori Tariffe Luce ed Energia Elettrica

Guida al trasloco: Contatti e assistenza clienti fornitori energia elettrica ed gas metano

Quando si effettua un trasloco è il momento migliore per valutare nuove offerte. Di seguito i contatti dei migliori fornitori presenti sul mercato italiano.

Contatti per trasferire le utenze luce e gas A2A

  • Pratiche e informazioni commerciali :
    da rete fissa, il numero verde 800.199.955 attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.00
    da cellulare o dall’estero il numero 02.36.60.91.91 con costi variabili in funzione dell’operatore
  • Numero per i clienti in maggior tutela 800.894.598 per chiamare da rete fissa e 02 454 05 649 da cellulare
  • Numero per i clienti di Tutela Simile 800.894.101 per chiamare da rete fissa e 02 454 05 664 da cellulare

Contatti per trasferire le utenze luce e gas Enel Energia

Il numero per chiedere informazioni 06 9480 8228 attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20.

Contatti per trasferire le utenze luce e gas Eni

  • Numero Verde Telefono ENI: 800 900 700 (da cellulare 02 444141)
  • Servizio Clienti Eni Luce e Gas: 800 999 800
  • Numero Fax Eni Luce e Gas: 800 919 962

Contatti per trasferire le utenze luce e gas Engie

  • Via telefono: puoi chiamare il numero verde 800.422.422 per ricevere assistenza o 800 901 199 per conoscere le offerte
  • Via chat: è possibile dialogare direttamente con gli operatori di ENGIE via chat. Attiva dal lunedi al venerdì 8:00 – 21:00 e il sabato 8:00 – 18:00, esclusi festivi
  • Via Social Network: puoi scrivere un post oppure inviare un messagio privato alla pagina facebook di ENGIE

Contatti per trasferire le utenze luce e gas E.On

  • Dall’Italia: 800 999 777
  • Dall’estero: 02 9164 6102