Sostituzione Caldaia: come orientarsi tra Detrazioni, Tecnologie, Migliori Marchi e Prezzi

Sostituzione Caldaia: come orientarsi tra Detrazioni, Tecnologie, Migliori Marchi e Prezzi

La vecchia caldaia si è rotta o da problemi? Vediamo come sostituire la caldaia risparmiando (ma senza rinunciare alla qualità)

La scelta della tipologia di Caldaia per il Riscaldamento

La sostituzione della vecchia caldaia è il momento ideale per prendere in considerazione tutte le soluzioni presenti sul mercato per il riscaldamento della casa. Se, infatti, la sostituzione non è urgente, si possono valutare anche altre tecnologie che consentano di riscaldare la casa risparmiando. Viceversa, se la sostituzione è urgente, si possono comunque valutare le migliori opzioni per installare un modello più efficiente, che consenta un abbattimento dei consumi e, quindi, delle spese per il riscaldamento.

 

Elettricità, Gas Metano o Biomasse: cosa scegliere?

Se fino a qualche tempo fa le scelte per il riscaldamento erano limitate ai combustibili disponibili (in aree non metanizzate si ricorreva al gasolio, al GPL o alle biomasse, prevalentemente legna e pellet), da qualche anno la situazione è cambiata radicalmente. Il gasolio sta, fortunatamente, scomparendo dalle abitazioni degli italiani, mentre si utilizza sempre più spesso l’elettricità come “combustibile” per il riscaldamento.

Pompa di Calore L’installazione di pompe di calore (spesso chiamate anche termopompe o chiller) ha avuto una grande diffusione negli ultimi anni, grazie anche alla riduzione dei costi, all’aumento dell’efficienza di quelle di tipo domestico e agli incentivi statali. Se, infatti, fino ad una decina di anni fa le pompe di calore venivano usate solo per riscaldare grandi edifici, soprattutto pubblici o di tipo commerciale, ora le pompe di calore vengono prodotte anche per potenze molto basse, compatibili con il riscaldamento domestico, offrendo la stessa efficienza e possibilità di abbattere consumi ed emissioni.

A contribuire al rinnovamento degli impianti di riscaldamento domestici sono stati, sicuramente, anche gli incentivi statali che, erogati sotto forma di bonus, hanno spinto il mercato verso tecnologie sempre più sostenibili ed efficienti.

Quindi, quando oggi si deve sostituire la vecchia caldaia, si può pensare benissimo di cambiare anche il “carburante”, passando magari ad un impianto più efficiente che consenta, nel lungo periodo, risparmi maggiori.

In linea di massima, il nostro consiglio è quello di prediligere sempre la pompa di calore come soluzione primaria per il riscaldamento domestico, per 3 motivi principali:

  1. nessuna emissione inquinante (quindi nessuna necessità di adeguare scarichi o impianti)
  2. altissima efficienza termica, grazie a COP superiori a 4
  3. possibilità di alimentare la pompa di calore con la corrente autoprodotta con il fotovoltaico

Ovviamente la pompa di calore ha anche degli svantaggi, come un costo maggiore in fase di installazione e, spesso, la necessità di aumentare la potenza del contatore.

Caldaie, stufe e camini a biomasse, per quanto possano garantire dei risparmi sui costi complessivi del riscaldamento, si caratterizzano per emissioni inquinanti molto elevate, per la necessità di avere a disposizione ampi spazi per lo stoccaggio delle biomasse (altrimenti viene meno la convenienza) e per la necessità di manutenzione quotidiana elevata. I riscaldamenti a biomasse (legna o pellet), quindi, non sono adattabili ad ogni contesto, soprattutto in caso di condomini.

La caldaia a metano è ancora oggi il giusto compromesso tra costo di installazione, semplicità di installazione, consumi ed emissioni inquinanti. Facile da installare nella maggior parte delle abitazioni (in aree metanizzate), si adatta bene agli impianti radianti esistenti e non richiede manutenzione costante (a parte i controlli periodici previsti per legge per l’emissione del bollino verde/blu).

Simulatori Impianti di Riscaldamento Efficienti
Calcola Gratuitamente il Risparmio e Scopri i Costi

 

Gli incentivi e le Detrazioni fiscali per sostituire la Caldaia

Per chi installa un impianto di riscaldamento più efficiente di quello esistente, esistono incentivi e detrazioni fiscali. Gli incentivi prevedono un rimborso diretto di una parte della spesa sostenuta, mentre le detrazioni prevedono un credito di imposta, che può essere scontato in sede di dichiarazione dei redditi o ceduto a terzi (istituti di credito o direttamente all’installatore, mediante sconto in fattura).

Per le nuove installazioni in abitazioni nuove (quindi non sostituzioni o ristrutturazioni) purtroppo non sono previsti incentivi o detrazioni sugli impianti di riscaldamento, indipendentemente dalla loro efficienza energetica.

I principali bonus per sostituire la caldaia sono:

  • conto termico 65% [incentivo]: valido per chi sostituisce la vecchia caldaia con una pompa di calore elettrica (aria-aria, aria-acqua, geotermica). Prevede un rimborso diretto entro massimo due anni del 65% della spesa sostenuta
  • ecobonus 65% [detrazione]: valido per chi sostituisce la vecchia caldaia con un modello a condensazione almeno in classe A, abbinando sistemi di termoregolazione evoluti (termovalvole e/o termostati intelligenti con una o più sonde per la misurazione della temperatura)
  • ecobonus 65% [detrazione]: valido in caso di sostituzione della vecchia caldaia con un impianto ibrido, costituito da pompa di calore e caldaia a condensazione almeno in classe A (caldaia ibrida)
  • ecobonus 65% [detrazione]: valido per chi sostituisce il vecchio impianto con una Pompa di calore ad alta efficienza (aria-aria, aria-acqua, geotermica)
  • ecobonus 50% [detrazione]: valido per chi effettua esclusivamente la sostituzione della vecchia caldaia con un modello in classe A
  • bonus ristrutturazioni 50% [detrazione]: valido per chi sostituisce o installa, nell’ambito di una ristrutturazione, una nuova caldaia, indipendentemente dalla sua classe energetica
  • superbonus 110% [detrazione]: valido per chi sostituisce il vecchio impianto di riscaldamento con una pompa di calore o una caldaia a condensazione in classe A, a patto di rispettare i requisiti previsti dalla legge (incremento di almeno due classi energetiche dell’intero immobile e non della singola unità abitativa)

 

Le Migliori Marche di Caldaie

Il nostro consiglio, quando si decide di sostituire la vecchia caldaia, è quello di orientarsi verso prodotti di buona qualità costruttiva, che garantiscano durata nel tempo e un servizio di assistenza capillare sul territorio. Cercare a tutti i costi il risparmio in fase di acquisto potrebbe poi tradursi in maggiori esborsi per riparazioni e manutenzione straordinaria. Quindi meglio investire qualche euro in più su prodotti di marchi top di gamma e godersi tranquillamente il risparmio nel medio-lungo termine.

 

Le migliori marche di Caldaie a Condensazione

I migliori produttori di caldaie a condensazione a gas, secondo la nostra classifica, sono:

  • Vaillant
  • BOSCH (Junkers BOSCH)
  • Viessmann
  • Baxi
  • Riello
  • Beretta
  • Hermann Saunier Duval

 

Le migliori marche di Pompe di Calore

I migliori produttori di pompe di calore elettriche, secondo la nostra classifica, sono:

  • Viessmann
  • Daikin
  • Vaillant
  • LG
  • Bosch (Junkers Bosch)
  • Baxi

 

Quanto costa sostituire la Caldaia?

Il prezzo della nuova caldaia dipende, ovviamente, dalla tipologia di caldaia da installare, dalla potenza necessaria per riscaldare tutti gli ambienti domestici e dalla necessità di effettuare eventuali lavori aggiuntivi.

Tutti i range di prezzo che si possono definire vanno sempre contestualizzati in base alle proprie esigenze. Il consiglio è sempre quello di richiedere più preventivi da più installatori, in modo da capire cosa propone ognuno e a quali costi.

 

Simulatori Impianti di Riscaldamento Efficienti
Calcola Gratuitamente il Risparmio e Scopri i Costi

 

Sostituzione Caldaia: si può Pagare a Rate in Bolletta?

Diversi operatori del mercato libero offrono da anni la possibilità di sostituire la caldaia con i propri installatori convenzionati, offrendo anche dilazioni di pagamento direttamente in bolletta. Questa formula viene offerta oggi sia per le caldaie a condensazione, pagabili a rate nella bolletta del gas, sia per le pompe di calore, pagabili a rate nella bolletta elettrica.

I fornitori del mercato libero offrono sempre la possibilità di beneficiare delle detrazioni fiscali con sconto diretto in fattura e offrono spesso il servizio di assistenza e manutenzione incluso per tutto il tempo della rateizzazione. Un bel vantaggio.

Se vuoi maggiori informazioni o vuoi capire quale è la soluzione migliore per sostituire la tua vecchia caldaia, scrivici su Whatsapp, chiamaci allo 06 9002514 o compila il form di richiesta sulla nostra pagina di contatto. Un esperto potrà rispondere alle tue domande e ti guiderà verso la soluzione più conveniente per le tue esigenze di budget e di risparmio in bolletta.