E’ possibile non pagare le Spese fisse in Bolletta?

E’ possibile non pagare le Spese fisse in Bolletta?

Esiste una soluzione per abbattere i costi, ma non è quello che pensi…

Molti utenti ci chiedono come non pagare più le spese fisse in bolletta. Cerchiamo di fare chiarezza su un argomento molto fumoso, spiegando, in conclusione, l’unico vero metodo per abbattere il peso delle spese fisse sulle bollette di Luce e Gas.

Mettiamo subito in chiaro una cosa: se un venditore di tariffe luce e gas ti dice che, passando a quel certo fornitore, non pagherai più oneri di sistema, spese di trasporto o accise, allora stai sicuro che ti sta prendendo in giro e si tratta solo di una truffa.

Ingannare un cliente, solo per strappare una firma su un contratto, è eticamente scorretto. Noi siamo per la trasparenza completa, perché solo spiegando correttamente come stanno le cose, un cliente è consapevole delle scelte che effettua e, soprattutto, sarà soddisfatto a lungo termine.

 

E’ possibile non pagare le Spese fisse in Bolletta?

Entriamo quindi nel dettaglio di quelle che sono le domande più frequenti che ci vengono poste quotidianamente sulle cosiddette “spese fisse” presenti nelle bollette dell’energia elettrica e del gas metano, effettuando le giuste precisazioni.

In ogni caso possiamo dire che non è possibile evitare di pagare le spese fisse, neanche con le offerte luce e gas in abbonamento.

 

E’ Possibile non Pagare gli Oneri di Sistema?

La risposta è: NO. Gli oneri di sistema sulle bollette di luce e gas sono una delle voci più discusse e odiate dai consumatori, ma non è possibile evitare di pagarle.

Gli oneri di sistema sono determinati e imposti dall’Autorità del settore, l’ARERA, e sono uguali per qualunque fornitore, sia esso del mercato libero o della maggior tutela.

Va precisato, tuttavia, che gli Oneri di Sistema hanno una quota fissa indipendente dai consumi e una quota variabile legata ai consumi, che quindi va aumentare i costi quando crescono i kWh consumati. La quota fissa, inoltre, è pari a 0 euro per le utenze domestiche con contratto residente, mentre è pari a circa 10 euro al mese per le utenze domestiche non residenti (seconde case, contatori per pertinenze). Va quindi verificato se il proprio contratto è correttamente registrato come una fornitura residente, perché, se c’è un errore su quel fronte, si stanno pagando oneri inutilmente in eccesso in bolletta. Se hai bisogno di aiuto per la verifica, contattaci allo 0690202514 o richiedi un checkup gratuito delle bollette.

 

E’ Possibile non Pagare le Spese di Trasporto?

La risposta è: NO. Le spese di trasporto e di gestione del contatore servono a coprire i costi per il trasporto dell’energia/materia prima dal punto di produzione, per l’eventuale stoccaggio (come per il gas naturale) e per la gestione del contatore.

Le spese di trasporto hanno una quota fissa uguale per tutti e una quota variabile legata ai consumi di energia e gas naturale. Per l’energia elettrica, la quota fissa è legata alla potenza del contatore e, ovviamente, cresce al crescere della potenza di allaccio. Per il gas naturale, la quota variabile è progressiva a scaglioni di consumo e, in parte, decresce quando i consumi crescono molto.

Queste spese sembrano essere più “comprensibili” agli utenti ma, paradossalmente, essendo una delle voci di costo più pesanti in bolletta, è una delle voci più gettonate dai truffatori, che sostengono di non far pagare più queste spese.

Le spese di gestione e trasporto vanno sempre corrisposte in bolletta, anche nel caso di tariffe gas e luce in abbonamento.

Se hai bisogno di aiuto per capire quanto pesano le spese di trasporto in bolletta e se ci sono modi per ridurre i consumi, chiamaci allo 0690202514 o richiedi un checkup gratuito delle bollette.

 

E’ Possibile non Pagare le Accise?

La risposta è: NO per i clienti domestici, DIPENDE per le utenze aziendali. Le accise sono delle imposte applicate dallo Stato sui consumi di luce e di gas. Per le utenze domestiche non c’è possibilità di evitare di pagare le Accise, ma per l’energia elettrica i primi 150kW/h mese sono esenti dall’applicazione. Alcune categorie di aziende, che hanno cicli produttivi energivori o che appartengono a settori di interesse nazionale, possono beneficiare di una riduzione attraverso agevolazioni e/o esenzioni sull’applicazione delle accise gas e/o anche dell’energia elettrica.

Se hai un’utenza aziendale e vuoi capire se stai spendendo il giusto sulle tue bollette, contattaci al numero 0690202514 o richiedi un check up aziendale delle bollette.

 

E’ Possibile non Pagare l’IVA?

La risposta è: NO. L’IVA viene applicata sul totale della bolletta, inclusi oneri, spese e anche accise. Proprio sull’applicazione dell’Imposta IVA sulle accise ci sono varie fake news in giro, smentite chiaramente dall’Autorità e dallo stesso Servizio Elettrico Nazionale, per cui l’IVA deve essere applicata anche sulle accise, in rispetto della normativa fiscale italiana ed europea, e tutte le richieste di rimborso ai fornitori luce e gas sono illegittime.

L’IVA ha un’aliquota del 10% per le utenze domestiche e del 22% per le utenze aziendali che non abbiano diritto a particolari riduzioni. Anche per i condomini, se si dimostrasse che i consumi di energia elettrica sono esclusivamente finalizzati ad uso domestico, si può ottenere la riduzione dal 22% al 10%.

Se hai bisogno di maggiori informazioni su come gestire l’IVA in bolletta, chiamaci allo 0690202514 .

 

E’ Possibile non Pagare il Canone RAI in bolletta?

La risposta è: SI se ci sono i requisiti previsti dalla legge. In tutti gli altri casi non è possibile eludere il pagamento del Canone RAI. Per non pagare più il canone RAI in bolletta bisogna presentare un’autodichiarazione, secondo quanto previsto dalla legge, in cui si certifica di non possedere alcun apparecchio in grado di ricevere un segnale radiotelevisivo o di appartenere ad una di quelle categorie escluse dal pagamento, tra cui rientrano anche gli over 75 con reddito inferiore ai 6.713 euro.

Confronta le Migliori Tariffe Luce

Confronta le migliori Offerte Luce e risparmia fino a 150€ sulla Bolletta

Confronta le Migliori Tariffe Gas Metano

Confronta le migliori Offerte Gas e risparmia fino a 250€ sulla Bolletta

 

La Soluzione: ecco l’unico vero modo per non pagare più così tante spese fisse in bolletta

Come abbiamo visto, la maggior parte delle spese fisse presenti in bolletta non sono proprio “fisse” ma bensì variabili e strettamente legate all’aumento dei consumi. La soluzione, quindi, per ridurre il peso delle spese in bolletta è quella di ridurre drasticamente i consumi. Ma è realmente possibile? Come si possono ridurre così tanto i consumi da rendere le bollette davvero leggere?

La soluzione è più semplice e reale di quanto si possa pensare: basta autoprodursi l’energia di cui si ha bisogno e usare impianti davvero efficienti.

La caldaia a gas può essere sostituita da una pompa di calore elettrica, eliminando completamente la bolletta del gas (con tutte le spese fisse). La pompa di calore, che tra l’altro ha un coefficiente di efficienza termica molto maggiore delle caldaie a gas, può essere alimentata da un impianto fotovoltaico sul tetto, che produce energia elettrica a costo zero.

Tutti questi impianti, attualmente, possono essere installati con il Superbonus 110%, quindi praticamente a costo 0.

Se vuoi capire come rendere efficiente la tua casa per rendere la tua famiglia autonoma e meno dipendente dalle bollette, visita la nostra pagina dedicata a efficienza energetica e rinnovabili o chiamaci allo 0690202514 per parlare con un nostro consulente energetico.