Tagli dell’elettricità e razionamenti: come evitarli?

Tagli dell’elettricità e razionamenti: come evitarli?

Scopriamo delle soluzioni concrete per non avere disagi con i depotenziamenti che arriveranno a breve sui contatori degli italiani

La notizia è ormai certa: durante le fasce orarie di picco, i distributori locali attueranno il cosiddetto “depotenziamento” dei contatori di utenze private e aziendali, al fine di ridurre i consumi nelle fasce orarie più costose, e quindi la domanda e non mandare in sofferenza gli impianti di produzione in caso di scarsità nell’approvvigionamento del gas.

 

Taglio del 5% dei consumi elettrici: come sarà fatto?

Il taglio del 5% è stato deciso dall’Unione Europea e dovrà essere recepito dai governi nazionali e, verosimilmente, sarà il prossimo governo in carica a doversi fare carico di questo onere. Nello specifico, dovranno essere individuate le modalità operative per attuare tale taglio e i criteri di attuazione, ovvero se concentrare i tagli solo sulle utenze domestiche, con depotenziamenti più  marcati, o se definire criteri di depotenziamento anche per le attività commerciali, diversificando i depotenziamenti in base alla tipologia di attività svolta.

Il depotenziamento verrà effettuato in remoto dai vari distributori locali di energia, grazie alla telegestione dei contatori elettronici di ultima generazione. La procedura, in breve, è molto simile a ciò che già avviene in caso di morosità di un cliente, per il quale il distributore interviene riducendo la potenza massima assorbita (solitamente, per le utenze domestiche, viene abbassata la potenza del contatore dai 3 kW ad 1 kW, prima di procedere al distacco).

In breve, durante le ore di picco, che solitamente coincidono con la fascia F1, dunque in pieno giorno (qui una tabella dettagliata con le fasce orarie), i contatori andranno ad erogare meno potenza, causando distacchi a chi supera la soglia imposta. Si potranno quindi utilizzare gli elettrodomestici di base e si dovrà fare attenzione ad ogni consumo, a meno di non trovare delle soluzioni alternative, facili da mettere in campo in breve tempo.

 

Come evitare i razionamenti e i distacchi del contatore?

La risposta può essere tanto semplice quanto efficace: la soluzione più semplice per evitare i distacchi è quella di non consumare energia in fascia F1.

Detto ciò, è chiaro a tutti che è difficile, se non a volte impossibile, modificare le proprie abitudini o la propria routine quotidiana, che spesso deve tenere conto di impegni familiari e lavorativi, per evitare di consumare in determinate fasce orarie.

Immaginate di dover rinunciare al phon alle 8:00 di mattina o di rientrare a casa prima delle 19:00 e non poter fare una doccia perché poi non ci si può asciugare i capelli.

E’ solo un piccolo esempio di ciò che può rappresentare un taglio della potenza in fascia F1. Niente condizionatori, niente lavastoviglie, niente lavatrice, niente ferro da stiro. Insomma, una vera e propria scocciatura per tantissime famiglie.

 

A questo punto, è facile capire che bisogna trovare delle soluzioni concrete, che vertano su due fronti principali:

  • ridurre i consumi, installando elettrodomestici in elevata classe energetica (approfittando anche del bonus elettrodomestici per ammortizzare la spesa)
  • autoprodurre energia elettrica, sfruttando il sole (da oggi anche in condominio!)

 

Fotovoltaico? Si, ma sul balcone, e senza autorizzazioni!

Un impianto fotovoltaico tradizionale è certamente la scelta migliore per far fronte a queste problematiche, soprattutto se dotato di batteria di accumulo per immagazzinare l’energia elettrica prodotta in eccesso e non autoconsumata. Tuttavia, l’installazione di pannelli solari sul tetto ci mette di fronte ad alcune sfide:

  • per installare i pannelli sul tetto, serve un tetto a disposizione
  • l’investimento è spesso importante e, con il blocco delle cessioni dei crediti, pochi installatori offrono lo sconto in fattura del 50%
  • i tempi di progettazione, contrattazione, cantierizzazione, installazione e allaccio sono solitamente molto lunghi (dai 90 ai 180 giorni in media, secondo ENEA)

In breve, non tutti possono fare un investimento di questo tipo e, per chi può investire su un impianto tradizionale, potrebbe non riuscire ad ottenere alcun beneficio nell’immediato, esponendo la famiglia ai problemi che abbiamo accennato prima.

 

Una possibile soluzione, accessibile a tutti e senza problemi, può essere il Fotovoltaico da Balcone Plug&Play.

 

In breve, si tratta di un solo pannello fotovoltaico (disponibile anche in kit da due pannelli con potenza < 800 W), dotato di un microinverter integrato, che si installa facilmente sul balcone di casa o in giardino ed entra in produzione semplicemente inserendo una spina in una presa della corrente dell’impianto di casa.

 

Collega la spina e autoproduci, proteggendoti dai distacchi

Un impianto fotovoltaico plug and play a spina produce fino a 350 W di potenza istantanea, mentre un kit con due pannelli è in grado di produrne fino a 700 W di potenza istantanea. Cosa vuol dire? Che in caso di abbassamento della potenza del contatore a 1,5 kW, in casa potrai arrivare ad assorbire fino a 2,2 kW, che è una potenza sufficiente ad azionare contemporaneamente svariati elettrodomestici.

 

Risparmia fino al 25% in bolletta

Inoltre, un singolo pannello da balcone plug & play è in grado di produrre, in un anno, fino a 450 kWh di elettricità, che equivalgono ad un risparmio fino al 25% sulla bolletta della luce per una famiglia che consuma 1.800/2.200 kWh annui.

 

Fotovoltaico da Balcone: quanto costa?

Come puoi scoprire visionando il nostro shop online, un pannello fotovoltaico da balcone ha un costo che parte dai 550 euro, IVA inclusa, che possono diventare 275 euro beneficiando delle detrazioni fiscali statali.

I tempi di consegna sono ridotti (1-2 settimane) e l’installazione non prevede particolari complicazioni, se non una procedura di notifica al distributore di zona, che si può fare tranquillamente online (guida alla comunicazione Unica al distributore locale per impianti Plug and Play).

 

Per maggiori informazioni, chiamaci pure allo 06 90202514, visita il nostro shop online o lascia i tuoi dati in basso per essere ricontattato.

 

Vuoi aiuto per capire Costi, Ingombri e Produttività del Fotovoltaico Plug&Play?

Vuoi capire come installare il pannello sul balcone o all'esterno della casa?

Fatti richiamare da un esperto. Bastano pochi minuti. Senza impegno (se non ci credi, leggi le recensioni dei nostri utenti)