Come Aumentare la Resa dei Pannelli Fotovoltaici

Come Aumentare la Resa dei Pannelli Fotovoltaici

 

Un impianto fotovoltaico rappresenta la soluzione di gran lunga migliore per risparmiare sulla bolletta della luce. Per ottimizzare la resa dell’impianto, però, è necessario fare attenzione ad alcuni importanti dettagli in fase di installazione. Scopriamo quali sono i piccoli segreti per far rendere al massimo i nostri pannelli fotovoltaici e conseguire il miglior risparmio possibile in bolletta.

 

Risparmiare scegliendo pannelli solari di qualità

L’elemento più importante di un impianto fotovoltaico, ovviamente, sono i pannelli solari.

Diciamo subito che non tutti i pannelli sono uguali: in commercio se ne trovano di tipi e qualità diverse, e la giusta scelta tra un modello ed un altro può significare risparmiare tanto, nel corso degli anni, anziché risparmiare poco.

Come scegliere i pannelli solari più efficienti? Innanzitutto, come per ogni prodotto in commercio, è consigliabile affidarsi a marche famose ed esperte, che siano una garanzia sia per la qualità dei materiali utilizzati, sia per l’assistenza in fase di manutenzione dei pannelli fotovoltaici.

Uno degli aspetti su cui occorrerebbe focalizzare l’attenzione è la capacità del pannello di funzionare correttamente anche in condizioni di temperatura molto elevate. Un pannello solare di scarsa qualità, infatti, subisce un calo di rendimento notevole se viene esposto a temperature eccessive.

Informazioni in tal senso possono essere ricavate dalla scheda tecnica allegata al prodotto.

Inoltre, è importante valutare la resistenza dei materiali agli agenti esterni: ad esempio, non dimentichiamo che i pannelli solari vengono sottoposti alla potente azione di pioggia, grandine e neve, e pertanto la loro struttura deve garantire la corretta resistenza alle forze generate da questi fenomeni atmosferici e al peso della neve accumulata.

Scegliere un pannello di qualità, quindi, significa spendere un pochino di più al momento dell’acquisto, per risparmiare molto di più nel corso degli anni.

Simulatore Online Impianto Fotovoltaico, ricevi il report in tempo reale!

Simulatore Online Impianto Fotovoltaico Abbassalebollette

Come posizionare e orientare i pannelli solari

Così come la qualità dei singoli pannelli solari è importante, va posta particolare attenzione al posizionamento dell’intera struttura.

Innanzitutto, si consiglia di installare l’impianto fotovoltaico su tetti, lastrici in cemento o direttamente sul terreno e non su superfici metalliche.

Queste ultime, infatti, hanno un’eccessiva proprietà riflettente che provocherebbe il costante surriscaldamento dell’impianto fotovoltaico: come abbiamo visto, quando i pannelli fotovoltaici sono sottoposti a temperature eccessivamente elevate, subiscono un notevole calo di rendimento. Meno produce l’impianto, maggiore sarà la nostra richiesta di corrente alla rete pubblica, e più alta la bolletta della luce!

Inoltre è fondamentale il corretto orientamento dei pannelli, per garantire la migliore esposizione degli stessi alla luce del sole.

Ovviamente è compito degli installatori individuare il miglior posizionamento e l’orientamento più efficace per i pannelli; anche il proprietario dell’impianto, però, può avere un ruolo in tutto questo, monitorando l’efficienza dei singoli pannelli solari durante il loro ciclo di funzionamento. Come? Con dei particolari strumenti, chiamati ottimizzatori. Vediamo di cosa si tratta.

 

Massimizzare l’efficacia di un impianto fotovoltaico: gli ottimizzatori

I fattori che possono influenzare la resa di un singolo pannello solare sono molti. Oltre a quelli che abbiamo già esaminato, e che vanno valutati al momento dell’installazione, ve ne sono altri che emergono durante il ciclo di vita dell’impianto.

Ad esempio, un’eventuale ombreggiatura in determinati periodi della giornata, causata da comignoli, alberi, pali dell’illuminazione pubblica, può causare il calo di rendimento di alcuni singoli pannelli dell’impianto fotovoltaico.

Allo stesso modo, il deposito di neve, fogliame o guano di uccelli può inficiare la resa di uno o più pannelli.

Se i pannelli sono collegati in serie tra loro, il calo di efficienza di uno di essi si ripercuote sull’intero sistema, e comporta un calo di rendimento dell’intero impianto fotovoltaico.

Come ci si accorge di tutto ciò? Installando su ogni pannello un piccolo accessorio, l’ottimizzatore, che viene collegato all’inverter dell‘impianto fotovoltaico(l’inverter è quell’indispensabile apparecchio che trasforma la corrente continua prodotta dall’impianto in corrente alternata da utilizzare in casa).

Attraverso un collegamento internet wi-fi, il sistema ottimizzatori-inverter viene connesso al pc, allo smartphone o al tablet del titolare dell’impianto, per l’invio dei dati relativi alla resa in tempo reale di ogni singolo pannello.

In questo modo, grazie a un semplice software, il proprietario è in grado di monitorare, in qualsiasi momento della giornata, il funzionamento di ogni singolo pannello e di intervenire nella maniera più opportuna (pulizia, manutenzione, etc.), per ripristinare l’ottimale efficienza dell’impianto fotovoltaico.

 

Come scegliere e dove installare l’inverter

Abbiamo accennato alla funzione dell’inverter nell’ambito di un impianto fotovoltaico.

Ai fini della migliore resa di quest’ultimo, ha molta importanza anche la qualità dell’inverter ed il suo posizionamento.

Tra le caratteristiche dell’inverter, infatti, occorre verificare quale perdita ci si possa attendere nell’operazione di trasformazione della corrente continua in corrente alternata. Un inverter di qualità garantisce la trasformazione di circa il 98% dell’energia prodotta, con una perdita del solo 2%.

Ma non solo: a questo scopo è anche importante il posizionamento dell’inverter. Infatti, se la struttura dell’immobile lo permette, è preferibile installare l’inverter il più vicino possibile al contatore, per minimizzare le perdite, anche se ciò debba significare una maggiore distanza tra l’inverter stesso e i pannelli solari.

 

Batterie e sistemi di accumulo: il vostro impianto fotovoltaico al top

Infine, non si può parlare di migliorare la resa di un impianto fotovoltaico, senza far cenno alle batterie di accumulo.

I sistemi di accumulo, infatti, rappresentano la soluzione perfetta per massimizzare l’efficienza di un impianto e ottenere notevoli risparmi in bolletta.

Infatti, come è noto, uno dei principali limiti dei sistemi fotovoltaici è rappresentato dalla necessità di utilizzare in tempo reale l’energia autoprodotta.

Ciò significa che occorre utilizzare gli elettrodomestici nel momento in cui il sistema produce energia, e cioè quando fuori c’è il sole, altrimenti sarà necessario approvvigionarsi dalla rete pubblica.

Fotovoltaico con BatteriaCon un sistema di batterie di accumulo, invece, l’energia autoprodotta e non utilizzata può essere accantonata e riutilizzata in un momento successivo, persino quando è sera!

Questo significa che un impianto fotovoltaico dotato di batterie, al piombo o al litio, consente di sfruttare in qualsiasi momento tutta l’energia prodotta, riducendo drasticamente l’utilizza della corrente fornita dalla rete pubblica.

In sostanza, la bolletta della luce viene praticamente azzerata, o quasi!

 

Come si vede, con pochi piccoli accorgimenti è possibile rendere ancora più efficiente e conveniente il vostro impianto fotovoltaico. In più, si ricordi che un simile impianto ha bisogno di una manutenzione molto limitata, e la sua efficienza può essere migliorata anche soltanto con una pulizia periodica, da effettuarsi con le opportune cautele, per liberare i pannelli dalle varie sostanze che possono depositarsi sulla loro superficie.

E voi, siete pronti a risparmiare?

Hai ancora dubbi o vorresti ricevere Subito un Preventivo?
Per conoscere i prezzi o solo per ulteriori informazioni, Compila Subito il Form in Basso

Saremo lieti di rispondere alle tue domande e di aiutarti a trovare sempre la migliore soluzione alle tue esigenze!

Acconsento al trattamento dei dati personali * (Privacy Policy)