I 3 segreti per risparmiare sulle bollette (anche quando salgono i prezzi)

I 3 segreti per risparmiare sulle bollette (anche quando salgono i prezzi)

Non trucchetti, ma strategie pratiche e concrete per abbassare il peso delle bollette di Elettricità e Gas Naturale

Dopo la notizia dei pesanti rincari in arrivo sulle bollette degli italiani, si susseguono, sui social e sui portali, approfondimenti su come ridurre il peso delle bollette, con consigli che a volte rasentano il ridicolo.

Il risparmio in bolletta è una cosa seria e come tale va trattato, soprattutto quando i prezzi di energia elettrica e gas metano salgono alle stelle, arrivando a raddoppiare nell’arco di un anno. Ecco perché abbiamo pensato che fosse necessario un approfondimento con consigli realmente utili per ridurre il peso delle bollette di luce e gas.

Applicando queste strategie diventa possibile risparmiare centinaia di euro ogni anno, che negli anni diventano migliaia di euro, che rappresentano uno dei migliori investimenti che una famiglia possa fare.

 

I nostri segreti per Risparmiare Davvero

Ecco i 3 “segreti” che i consulenti di Abbassalebollette.it cercano di comunicare quotidianamente ai nostri visitatori per aiutarli a risparmiare sulle bollette.

1° Segreto: Capire davvero a fondo i tuoi consumi

Le strategie per abbassare le bollette sono davvero tante, ma per capire quale strada intraprendere è assolutamente fondamentale capire esattamente dove vanno a finire i kWh di energia e i metri cubi di gas che consumiamo.

Per fare un esempio concreto, se la casa viene vissuta prevalentemente di notte e i consumi di energia elettrica si concentrano nelle ore notturne, quando vengono azionati gli elettrodomestici energivori, non ha senso investire in un impianto fotovoltaico privo di accumulo o, ancora più banalmente, non ha senso attivare una tariffa monoraria per la luce.

Per quanto riguarda i consumi di gas metano, se il consumo di gas viene assorbito, nell’arco dell’anno, per oltre il 90% dal riscaldamento, potrebbe non avere senso installare un impianto solare termico, mentre avrebbe assolutamente senso sostituire la vecchia caldaia con un modello ad alta efficienza. Allo stesso modo, fare una ricerca spasmodica della tariffa gas più conveniente può servire a poco se poi si ha una caldaia vecchia che spreca inutilmente metri cubi di gas, che si possono risparmiare con una nuova caldaia.

Per questo motivo, il primo passo per risparmiare sulle bollette deve sempre essere quello di analizzare i consumi presenti nelle vecchie bollette, possibilmente su un arco temporale di un intero anno, per capire i periodi in cui si concentrano maggiormente i consumi e per individuare le fonti di eventuali sprechi. Questo tipo di analisi, condotta anche grossolanamente, spesso aiuta anche ad individuare eventuali problemi con elettrodomestici con consumi fuori controllo di cui non ci si era mai accorti. A volte, infatti, capita che si stia attenti a spegnere le luci e i dispositivi in standby, risparmiando pochi kWh l’anno, ma poi non ci si renda conto che vecchi elettrodomestici arrivano ad assorbire centinaia di kWh al mese rispetto a modelli più moderni ed efficienti.

Chi promette risparmi sulle bollette senza aver analizzato questi elementi, sta evidentemente commettendo un grosso errore e potrebbe non riuscire a garantire il risparmio.

La consapevolezza è il primo passo verso la soluzione del problema.

 

2° Segreto: capire davvero a fondo cosa paghi in bolletta

E’ sentimento comune, soprattutto tra i cittadini che sono ancora legati al mercato di maggior tutela, che il peso delle voci fisse in bolletta renda inutile cercare una tariffa a prezzo più basso. Questa è la prima causa di bollette alte e fuori controllo.

I cosiddetti costi fissi in bolletta non sono poi così fissi, vengono variati trimestralmente dall’Autorità e sono validi per tutti, sia nel mercato libero che in quello tutelato (chi vi dice che non vi farà pagare spese di trasporto o altre voci in bolletta, inventando magari la scusa di essere produttore diretto o distributore della zona, vuole solo truffarvi per strappare una firma sul contratto). Inoltre, molte di queste voci sono strettamente proporzionali ai consumi, per non parlare dell’IVA che è proporzionale all’imponibile. Questo vuol dire che se si riducono i consumi e si riduce il costo della quota energia, si abbassa ulteriormente il totale delle fatture energetiche. Su questo fronte ci vengono in aiuto gli interventi di efficientamento energetico e autoproduzione di energia da fonti rinnovabili, che sono investimenti concreti che consentono di abbattere i consumi e di ridurre l’approvvigionamento dalla rete. Tali investimenti sono resi sempre più sostenibili dal calo dei prezzi degli impianti e, soprattutto, dagli incentivi statali che consentono abbattimenti importanti sui costi di installazione.

I prezzi della materia prima e della componente energia sono fondamentali per risparmiare, soprattutto nei periodi come questi in cui, per contenere gli aumenti, l’Autorità ARERA, di concerto con il governo, ha deliberato tagli importanti agli oneri di sistema e alle altre voci fisse in bolletta. Grazie a questi interventi sui costi fissi, ridotti per tutti i cittadini, chi è passato al mercato libero dell’energia nei mesi scorsi, prima degli aumenti, sottoscrivendo una tariffa a prezzo fisso per almeno 12 mesi, si troverà a pagare in bolletta meno di quanto avesse previso e sperato, come da noi ampiamente anticipato da tempo. A pagare di più, nonostante i tagli sulle voci fisse, saranno i clienti del Servizio Elettrico Nazionale e degli operatori della maggior tutela, per i quali i costi della materia prima sono schizzati alle stelle.

Confronta le Migliori Tariffe Luce

Confronta le migliori Offerte Luce e risparmia fino a 150€ sulla Bolletta

Confronta le Migliori Tariffe Gas Metano

Confronta le migliori Offerte Gas e risparmia fino a 250€ sulla Bolletta

 

3° Segreto: evitare il fai da te e affidarsi agli esperti

Informarsi su soluzioni per l’efficienza energetica, sulle fonti rinnovabili o semplicemente sulle tariffe luce e gas più convenienti sul mercato è sicuramente importante. Il nostro consiglio, tuttavia, è quello di affidarsi a persone esperte del settore prima di prendere le decisioni finali.

Decidere di affidarsi ad un consulente esperto, sia che tu voglia solo cambiare fornitore o che tu decida di pianificare interventi di efficientamento energetico della casa, offre numerosi vantaggi:

  • eviti investimenti inutili: come abbiamo visto in precedenza, non tutti gli investimenti in efficienza energetica e rinnovabili sono necessari per tutte le famiglie. Capire quali sono gli interventi realmente necessari, orientando correttamente gli investimenti, può consentire risparmi notevoli sul lungo termine senza sprechi di denaro
  • ricevi assistenza sugli incentivi statali: spesso la comunicazione commerciale di aziende e installatori crea ulteriore confusione sul funzionamento dei vari bonus fiscali. Un consulente ti aiuta a capire quali sono i bonus di cui puoi usufruire e ti guida verso il bonus più adatto alle tue esigenze
  • trovi rapidamente le migliori offerte luce e gas: è davvero impensabile riuscire a confrontare centinaia di tariffe e formule contrattuali di diversi operatori in autonomia. Un consulente esperto, che fa questo di mestiere, seleziona le offerte per tanti clienti e conosce il mercato. Per questo riesce a garantirti il risparmio, individuando per te le migliori proposte commerciali sul mercato libero
  • risparmi tempo: un esperto sa indirizzarti rapidamente verso le aziende che erogano i servizi di cui hai bisogno
  • non ti costa nulla: l’intermediazione tra il cliente e le aziende è sempre gratis per il consumatore

Se anche tu vuoi ridurre i tuoi consumi e vuoi cominciare da subito a risparmiare in bolletta, chiamaci allo 0690202514 (lun-ven 9:00 – 18:00) o lascia i tuoi dati sulla nostra pagina di contatto per parlare con un nostro consulente esperto, gratis e senza impegno.

Se vuoi approfondire meglio le soluzioni per il risparmio energetico in autonomia, scopri i nostri simulatori.