I 10 suggerimenti di Enea per Risparmiare sulle Bollette Luce e Gas

Risparmiare sui consumi e sulle bollette di luce e gas è sicuramente una prerogativa a cui aspirano tutti gli italiani. Per segnalare tutte le varie opzioni su come si può avere un evidente risparmio sulle bollette e in modo particolare sul riscaldamento Enea redige un decalogo contenente dieci regole per diminuire fino al 10% i consumi energetici e risparmiare anche fino al 40% sulla bolletta. L’Enea è l’Ente Nazionale per le Energie Alternative e lo sviluppo sostenibile ha pensato di istruire i cittadini con dieci consigli. Vediamo di cosa si tratta nello specifico.

1.Eseguire la manutenzione degli impianti

Effettuare una manutenzione periodica degli impianti è necessario per aumentare la sicurezza ed evitare multe e sanzioni anche salate che con il DPR 74/2013 possono superare anche i 500 euro. Inoltre, è doveroso ricordare che un impianto costantemente tenuto sotto controllo inquina meno e rende molto di più.

 

2.Mantenere preferibilmente una temperatura ambiente

Impostate il termostato a temperatura ambiente per avere sempre le migliori condizioni di aria e salubrità negli ambienti. Ricordatevi che ogni grado che innalzate fa aumentare il costo del riscaldamento sulle bollette, mentre ogni grado che abbassate si traduce automaticamente in un risparmio che oscilla tra il 5 ed il 10%.

 

3.Regolarsi sulle ore di accensione

Capire quando accendere il riscaldamento è molto importante per non pesare sulle bollette. A seconda delle zone climatiche la legge stabilisce un orario massimo ma dovete essere voi a regolarvi per capire quando avete effettivamente bisogno del riscaldamento e quindi di accendere i termosifoni. Quindi, regolate gli orari a seconda delle esigenze personali. Anche per quanto riguarda le luci, l’Agenzia indica di accenderle solo nelle stanze da utilizzare e di spegnerle dopo l’uso.

 

4.Utilizzare i cronotermostati

La tecnologia ci consente di utilizzare dei dispositivi studiati apposta per usufruire del riscaldamento in determinati orari. Per questo è opportuno installare dei cronotermostati, utili a controllare temperature ed accensioni. In questo modo potete programmare gli orari desiderati e quanto tempo deve rimanere acceso il riscaldamento per trovare la casa accogliente e calda anche quando rientrate dal lavoro.

 

5.Installare la valvole termostatiche

Oramai diventate obbligatorie per legge, le valvole termostatiche sono utilissime per evitare qualsiasi spreco di energia e riduce i costi delle bollette. Con queste valvole speciale si può decidere quali ambienti riscaldare e si può impostare il grado calore preferito. Una volta raggiunto il calore impostato, l’impianto di riscaldamento si spegne. In questa maniera i termosifoni funzioneranno solamente quando servono.

 

6.Installare i pannelli riflettenti dietro il termosifone

Installando i pannelli riflettenti dietro il termosifone la percentuale di calore assorbito dalla parete diminuisce e aumenta quindi la resa e l’efficienza dell’impianto. I pannelli termoriflettenti possono migliorare la resa dei termosifoni di circa il 10% e contribuiscono ad aumentare l’efficienza energetica di tutto l’immobile. La salvaguardia dell’efficienza energetica è per Enea uno dei punti cardine per ottenere maggiore risparmio sulle bollette.

 

7.Evitare le dispersioni e chiudere bene porte e finestre durante la notte

Eliminare la dispersione del calore è fondamentale per usufruire del riscaldamento accumulato negli ambienti anche mentre i termosifoni sono spenti. Chiudere quindi bene porte, finestre e aperture di ogni genere per evitare spifferi e dispersione del calore.

 

8.Non mettere alcun ostacolo davanti al termosifone

Per aumentare le prestazioni e diffondere in modo migliore il calore, non mettete alcun ostacolo dinanzi al termosifone. Evitate di mettere indumenti ad asciugare e non tenete la caldaia accesa mentre avete le finestre spalancate. Il calore si disperde inutilmente senza poterne usufruire al massimo e la resa diminuisce. Enea consiglia di avere un maggiore accorgimento nell’utilizzo dell’impianto di riscaldamento, così da abbassare i costi delle bollette e ottenere un effettivo risparmio.

 

9.Effettuare una diagnosi energetica del proprio immobile

Il consiglio di Enea per risparmiare sui costi delle bollette è quello di effettuare una diagnosi energetica del vostro immobile. Un adeguato isolamento contribuisce ad evitare le dispersioni e ad accumulare il calore negli ambienti. Gli edifici con una buona efficienza energetica sono quelli recenti, risalenti a non più di dieci anni fa, ma per chi vuole adeguare l’immobile può approfittare degli ecobonus per aumentare l’isolamento del proprio immobile. Il risparmio sulle bollette è del 65%. L’Enea sottolinea anche di utilizzare elettrodomestici di classe A+++ per ottenere un risparmio significativo sui consumi e di utilizzare lavatrice e lavastoviglie solo a pieno carico.

 

10.Cambiare la caldaia con una a condensazione per un risparmio assicurato sui consumi

Se un impianto è installato da molti anni, può essere necessario cambiare la caldaia. Enea consiglia di sostituire la vecchia caldaia con un modello a biomassa, o una pompa di calore, o un impianto integrato con il solare termico o ancora una pompa geotermica. Secondo Enea, l’investimento iniziale, che sarà naturalmente maggiore di un impianto tradizionale, avrà un ritorno economico nel tempo e consente di ammortizzare già nei primissimi anni i costi. La conseguenza è un netto risparmio sulle bollette.

 

Impianti Efficienti per la Casa