Conto Energia e Impianti non Conformi: GSE Comunica Scadenze e Procedure

Conto Energia e Impianti non Conformi: GSE Comunica Scadenze e Procedure

Entro il 30 Giugno 2020 le domande per accedere alla riduzione parziale delle tariffe incentivanti.

Il Gestore dei Servizi Energetici ha comunicato sul proprio sito le scadenze e le procedure per i titolari di impianti fotovoltaici non conformi. Gli avvisi sono destinati ai possessori di impianti fotovoltaici non a norma con moduli non certificati o con certificazioni non rispondenti alla normativa di riferimento. Gli avvisi sono rivolti ai proprietari di impianti tra 1 e 3 kW ed a quelli con un’installazione di potenza maggiore.
I proprietari che non effettueranno la comunicazione entro i termini, perderanno completamente gli incentivi previsti dal Conto Energia.
Va comunque ricordato che, se l’impianto non risponde alle norme in vigore si potrà accedere comunque alle tariffe incentivanti con una decurtazione ulteriore rispetto a quella avvenuta in precedenza. Si applica infatti un’ulteriore decurtazione del 10% della tariffa incentivante a partire dalla data di decorrenza della convenzione. La decurtazione del 10% si applica anche agli impianti ai quali è stata in precedenza applicata la decurtazione del 30%, prevista dalle disposizioni in vigore precedentemente.

Il Comunicato del Gestore

Come comunicato dal GSE in data 6 Aprile 2020
Il GSE dispone che le previsioni introdotte dal “D.L. n. 101/2019 non si applicano qualora la condotta dell’operatore che ha determinato il provvedimento di decadenza del Gestore sia oggetto di procedimento e processo penale in corso, ovvero concluso con sentenza di condanna anche non definitiva.”

Il soggetto responsabile deve inviare entro il 30 giugno 2020, ai fini del riconoscimento dell’aggiornamento della decurtazione della tariffa incentivante, una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, secondo questo Modulo 4.

Il GSE infine precisa che “per gli impianti fotovoltaici ricompresi nella fattispecie contemplata dal comma 3-quater dell’art. 42, non possono essere applicate le maggiorazioni previste dall’articolo 14, comma 1, lettera d), del DM 5 maggio 2011 e dall’articolo 5, comma 2, lettera a), del DM 5 luglio 2012.

Aggiornamento modalità presentazione istanze di revisione tariffe incentivanti per impianti fotovoltaici con potenza superiore a 3 Kw.

Nell’avviso pubblicato sul sito del GSE si legge che “la tariffa incentivante base decurtata del 10% per gli impianti fotovoltaici di potenza superiore a 3KW ( quanto previsto dall’art. 13-bis del Decreto Legge n. 101/2019, coordinato con la Legge di conversione n. 128/2019, recante modifiche all’art. 42 del D.lgs. 3 marzo 2011, n. 28.L’istanza ai sensi del comma 4-bis dell’art. 42).”

La richiesta, in questo caso, deve essere inviata sotto forma di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, secondo il seguente Modulo 1.

Dichiarazione Spontanea di Non Conformità

In caso il proprietario e beneficiario per il Conto Energia dichiari al GSE in maniera spontanea, al di fuori di una verifica o controllo, che nel proprio impianto sono installati moduli non certificati o non in linea alla normativa vigente è possibile richiedere un riconoscimento della tariffa incentivante base decurtata del 5%. Il format per l’istanza da utilizzare in questo caso è il Modulo 3, ai sensi del comma 4-ter dell’art. 42.
In entrambi i casi, il Soggetto Responsabile deve comprovare:

  • di aver intrapreso le azioni consentite dalla Legge nei confronti dei soggetti responsabili della non conformità dei moduli;
  • la sostanziale ed effettiva rispondenza dei moduli installati ai requisiti tecnici e la loro perfetta funzionalità e sicurezza, secondo quanto indicato nell’Allegato 1.
  • Per gli impianti tra 1 e 3 kWp, le previsioni introdotte dal Decreto Legge n. 101/2019 non si applicano qualora la condotta che ha determinato il provvedimento di decadenza sia oggetto di procedimento e processo penale in corso, o concluso con sentenza di condanna anche non definitiva.

    “L’art. 13-bis del Decreto Legge n. 101/2019 – ricorda il GSE – stabilisce inoltre che le nuove decurtazioni delle tariffe incentivanti si applichino anche agli impianti per i quali sono state precedentemente riconosciute le decurtazioni previste dall’art. 57-quater della Legge 21 giugno 2017, n. 96.”

    I Soggetti Responsabili che hanno presentato istanza finalizzata al riconoscimento della tariffa incentivante base decurtata del 20% o del 10%, secondo le istruzioni fornite dal GSE con news pubblicata il 9 agosto 2017, devono inviare entro il 30 giugno 2020, pena la sospensione dell’erogazione degli incentivi, l’istanza integrativa sotto forma di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, rispettivamente secondo il format allegato Modulo 2 e secondo il format dell’allegato Modulo 2 BIS.

    Con la Batteria di Accumulo Aumenti la Produttività dei Pannelli Solari

    Hai un impianto fotovoltaico e vuoi installare una batteria di accumulo, prova il nostro simulatore di redditività dedicato alle Batterie per Fotovoltaico.
    Attraverso il sistema di Accumulo installato, il proprietario dell’impianto fotovoltaico ha una maggiore convenienza e produttività rispetto a sfruttare il solo sistema incentivante del GSE. In che termini? Il guadagno si ha nell’uso dell’energia, prodotta dall’impianto durante il giorno, nelle ore notturne Senza l’immissione in rete si autoconsuma l’energia, in modo da ridurre notevolmente le immissioni in rete dell’energia, pagate poco dal Gestore, e ridurre anche i prelievi di energia dalla rete durante le ore notturne, che hanno un costo molto maggiore per il cliente rispetto a quanto ottenuto dal Gestore mediante il Conto Energia.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sulle batterie di accumulo? Scopri la nostra sezione dedicata all’installazione di accumulatori per chi ha già i pannelli solari. Potrai anche testare il nostro simulatore, con il quale potrai vedere il risparmio potenziale che potrai ottenere installando una batteria.

    Potrebbero Interessarti Anche I Seguenti Articoli

     

    2 Commenti su “Conto Energia e Impianti non Conformi: GSE Comunica Scadenze e Procedure”

    1. Vorrei un’informazione se dovessi installare un impianto fotovoltaico da 6 kw senza allacciamento alla rete elettrica per uso privato devo dichiararlo al Gse?

      Rispondi
      1. Ciao Diego,

        fermo restando tutte le normative regionali e dei piani regolatori comunali e il conseguimento di tutte le autorizzazioni urbanistiche, non è necessario dichiararlo al GSE se non lo si collega al contatore.

        Hai valutato comunque tutti gli svantaggi legati al fatto di mantenere l’impianto scollegato dalla rete? Hai considerato un opportuno dimensionamento delle batterie di accumulo per poter garantire una riserva costante di energia anche nelle ore in cui l’impianto non dovesse produrre corrente?

        Se hai ancora le idee poco chiare e vuoi ricevere maggiori informazioni e, magari, un preventivo dettagliato di spesa, ti suggeriamo di effettuare una simulazione di redditività sui nostri simulatori e, fornendoci i tuoi dati di contatto, potrai parlare con un Consulente Energetico che ti aiuterà a trovare la migliore soluzione per le tue esigenze di consumo elettrico.

        Buon Risparmio!

    La tua Opinione è per noi molto importante. Se hai dubbi o domande lasciaci pure un commento e saremo lieti di risponderti.
    Ricorda però che non sono ammessi commenti offensivi, che contengano un linguaggio scurrile, poco educato o denigratorio.
    Commenti che non rispettano tali requisiti saranno bannati e/o modificati a discrezione dei gestori al fine di rendere la discussione costruttiva e utile per tutti.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *