I 3 Segreti per Scegliere la Migliore Tariffa Luce

La marcia verso il completo passaggio al mercato libero dell’energia elettrica, ha disegnato nuovi scenari per i consumatori, predisponendo le basi per maggiori risparmi in bolletta e più servizi a disposizione dei singoli cittadini.

Sempre più famiglie sono alla ricerca di fornitori di energia elettrica che propongano tariffe ed offerte luce adatte alle proprie esigenze, vagliando ogni possibilità e cercando di anticipare i tempi in relazione alla scadenza del periodo di “convivenza” tra le due tipologie di mercato, tutelato e libero.

Cosa è necessario prendere in considerazione?

Partiamo dal presupposto che un mercato libero, come dice la parola stessa, consente al consumatore di andare oltre quella condizione di mera accettazione delle tariffe date dal monopolio e di scegliere tra le varie offerte quella che più gli aggrada.
Per fare ciò è necessario conoscere i propri consumi, valutare attentamente quali siano le necessità reali ed informarsi sui gestori che garantiscano tariffe luce concorrenziali e convenienti.
Da non dimenticare che per le famiglie italiane composte da un numero elevato di individui e non particolarmente abbienti, è possibile richiedere il cosiddetto “Bonus Energia” (in questo caso Bonus Luce), che include agevolazioni e riduzioni delle bollette.
In particolare possono far richiesta di tale bonus i nuclei familiari con un valore ISEE inferiore ai 20.000 euro e più di 3 figli (ovviamente a carico) o, in alternativa, le famiglie con un ISEE inferiore o uguale ai 7.500 euro.

Primo step: impara a conoscere i tuoi consumi.

Può sembrare una banalità, ma il primo vero segreto per comprendere quale sia la tariffa luce più adatta alle proprie esigenze è proprio quello di conoscere il proprio consumo annuo di energia elettrica. Riuscire a leggere le bollette e ad individuare le voci che più incidono sulla cifra finale è senza dubbio un buon punto di partenza per fare un’iniziale scrematura ed eliminare quindi le offerte meno vantaggiose.
Spesso le abitudini di consumo possono essere un punto a nostro favore. Il consumatore si trova a poter scegliere tra diverse tipologie di tariffe luce, in base ai propri personali consumi, in particolare: mono-oraria, bi-oraria e multi-oraria. La bi-oraria ad esempio è rivolta a coloro che, lavorando, si trovano più spesso in casa la mattina presto, la sera e nei week end, mentre la mono-oraria è sicuramente più adatta a chi, avendo consumi prettamente irregolari o estremamente regolari, opta per un prezzo fisso dei kWh.
Per fare ciò non bisogna fare altro che cercare, all’interno del tabulato della bolletta, la voce relativa al consumo annuale di energia elettrica, esplicitato in kWh e, in relazione a questo, iniziare a vagliare le varie tariffe luce presenti sul mercato.
Online è possibile anche calcolare il proprio consumo annuo, avvalendosi dell’aiuto di un comparatore di tariffe ed inserendo i dati relativi ai propri standard abitativi, familiari e di utilizzo di energia elettrica.
Altro aspetto da tenere in considerazione, sempre nell’ambito dell’analisi delle bollette, è il fatto che spesso gran parte dei costi non si riferiscono al puro e semplice quantitativo di energia consumato ma a costi di trasporto dell’energia e a imposte e tasse. E’ importante quindi conoscere il significato di ogni termine e sigla presente in bolletta, al fine di evitare sorprese e di prediligere, anche per questo, un fornitore di energia elettrica piuttosto che un altro.

 

Secondo step: prenditi del tempo per esaminare le migliori tariffe luce.

Non c’è scampo, è necessario che tu ti metta seduto ed inizi ad analizzare le offerte luce attualmente presenti nel panorama del mercato libero.
I fornitori di energia elettrica sono tantissimi e, come in tutti i settori, si prodigano per mettere sul tavolo tariffe luce che possano rispondere alle esigenze del cittadino, andando ad individuare mix di opzioni che soddisfano il maggior numero di consumatori.
E’ opportuno perciò individuare gli elementi più importanti all’interno di una ricerca di tal tipo. Innanzitutto serve valutare il prezzo dell’energia fornita e i costi di fornitura dei servizi, questi ultimi a discrezione del singolo gestore, tutto ciò servirà per effettuare la già citata 1° scrematura.
Di grande aiuto anche far ricorso alla cosiddetta scheda di confrontabilità, aggiornata ogni 3 mesi dai fornitori di energia elettrica, al fine di consentire all’utente di individuare facilmente i vari pro e contro in riferimento alle tariffe e quindi scegliere quella che più gli aggrada.

Terzo step: agisci, scegli e sii furbo.

Una volta valutate le possibilità si è pronti ad effettuare la scelta. Anche una volta deciso si può però rendere “migliore” la propria offerta luce stando attenti ad alcuni dettagli.
Innanzitutto la tipologia di pagamento tramite RID consente di risparmiare denaro e tempo, oltre che di accedere a tariffe luce vantaggiose disponibili solo per chi sceglie l’addebito bancario. Questa opzione consente inoltre di far economia su commissioni relative ai bollettini e sul deposito cauzionale.
Altro accorgimento utile è quello di richiedere l’annullamento dell’invio delle classiche bollette cartacee e di iniziare a ricevere la propria fattura elettronica, direttamente all’indirizzo email personale. L’importo annuale relativo ai costi della bolletta cartacea ammonta a ben 12 euro.
Spesso inoltre valutare offerte combinate per la fornitura di luce e gas è un ottimo modo per risparmiare qualcosa.
Infine, per riuscire ad orientarsi in questa giungla di opzioni e tariffe, è bene rivolgersi a degli esperti del settore, consulenti preparati ed attenti in grado di consigliare l’utente e di accompagnarlo verso la scelta più adatta alle proprie esigenze. E’ ovviamente opportuno contattare un professionista che non risulti legato in nessun modo a qualsivoglia azienda fornitrice di servizi energetici.

Considerazioni finali.

Dobbiamo essere realisti, in un mondo come il nostro è impossibile pensare di vivere senza energia elettrica, tutta la nostra vita è scandita dal funzionamento di elettrodomestici e smartphone, quindi non resta che scegliere la tariffa luce più conveniente e mettersi l’anima in pace. Questo non significa rassegnarsi al pagare cifre esorbitanti, ma farsi furbi ed escogitare sistemi per sborsare il meno possibile. Bisogna perciò essere accorti e ridurre il più possibile gli sprechi in ambito domestico, magari con lo sguardo rivolto a sistemi che possano metterci in condizione di produrre noi stessi un certo quantitativo di energia. Come ad esempio l’installazione di pannelli fotovoltaici, associati eventualmente a batterie ad accumulo. Energia pulita e risparmio in bolletta, cosa desiderare di più?

Hai ancora dubbi o vorresti ricevere Subito un Preventivo?
Per conoscere i prezzi o solo per ulteriori informazioni, Compila Subito il Form in Basso

Saremo lieti di rispondere alle tue domande e di aiutarti a trovare sempre la migliore soluzione alle tue esigenze!

Acconsento al trattamento dei dati personali * (Privacy Policy)