Impianto Fotovoltaico con Pompa di Calore: ecco perchè conviene

Impianto Fotovoltaico con Pompa di Calore: ecco perchè conviene

Hai mai sentito parlare di case a impatto zero? Continua a leggere, e scoprirai tutti i vantaggi di abbinare l’installazione di un impianto fotovoltaico a quella di una pompa di calore, per ridurre al minimo i consumi domestici per l’elettricità e il riscaldamento.

I vantaggi di un impianto fotovoltaico

La diffusione del fotovoltaico in Italia è cresciuta in maniera esponenziale negli ultimi anni, grazie anche al sistema di incentivi statali che hanno favorito il proliferare di tali impianti su tutto il territorio nazionale.

Il risparmio sui consumi dell’energia elettrica è così consistente, comunque, che anche se adesso uno degli incentivi “storici” non è più previsto a favore del fotovoltaico (il cosiddetto Conto Energia), il mercato di questo settore è in continua crescita.

Ciò è dovuto in massima parte ad una crescente consapevolezza dei cittadini rispetto alle reali potenzialità di questa tecnologia, che sfrutta l’energia pulita e rinnovabile dei raggi solari per garantire una notevole autonomia nell’approvvigionamento dell’energia elettrica ad uso domestico o aziendale.

Il richiamo del risparmio in bolletta, inoltre, si accompagna ad una maggiore coscienza sociale, in merito alle esigenze di sostenibilità ambientale. Gli impianti fotovoltaici, quindi, hanno l’indubbio pregio di assicurare due importanti vantaggi: economicità ed eco-sostenibilità.

Ma non è tutto. Lo Stato non ha certo smesso di sostenere chi investe nelle fonti rinnovabili, ed anche per tutto il 2017 le spese sostenute per la realizzazione di un impianto fotovoltaico rientrano tra quelle per le quali si può usufruire della detrazione del 50% in sede di dichiarazione dei redditi.

Ciò significa che, come per tutte le ristrutturazioni edilizie che rientrano in tali agevolazioni, il contribuente che ha installato un impianto fotovoltaico può allegare alla dichiarazione dei redditi le fatture relative alle spese per il materiale e per il personale adoperato, e detrarne un importo pari alla metà, secondo quote “spalmabili” nell’arco di dieci anni. Praticamente un risparmio nel risparmio!

 

Come funziona e a cosa serve la pompa di calore

Quando si parla di fonti rinnovabili, le prime immagini che vengono alla mente, di solito, sono il sole e il vento. Ma c’è un altro elemento che garantisce un’energia pulita, efficiente e praticamente inesauribile, e si trova proprio sotto casa tua: è la terra.

Le pompe di calore geotermiche sfruttano proprio questo principio. Attraverso un sistema di tubazioni che attraversano il terreno in profondità, questi speciali sistemi riescono ad assicurare alla tua abitazione il corretto riscaldamento d’inverno e un notevole raffrescamento nei mesi estivi.

In più, l’impianto garantisce anche la fornitura di acqua calda sanitaria per tutti gli scopi domestici, dall’igiene personale alla cucina.

Il sistema funziona in maniera piuttosto semplice. Le tubazioni possono scorrere più o meno in profondità nel terreno, fino a raggiungere le sottostanti falde acquifere (in tal caso si parla di pompa di calore acqua-acqua), oppure rimanendo ad una certa profondità, là dove la temperatura del terreno si mantiene costantemente intorno ai 15°, sia d’estate che d’inverno (pompe di calore terra-acqua).

All’interno di questi tubi scorre un liquido che, per principio fisico, riesce ad estrarre calore dal terreno o dalla falda acquifera e a portarlo verso il condensatore, che è presente all’interno di un macchinario da installare nella tua cantina o in un localetto di servizio.

Dal condensatore, l’acqua opportunamente riscaldata viene immessa nelle tubazioni domestiche, in direzione dei radiatori (meglio se a pavimento) o dei vari rubinetti presenti in casa.

Ovviamente, il ciclo funziona anche in senso inverso, quando fa caldo e si desidera ottenere il raffrescamento degli ambienti interni: in tal caso, il liquido presente nelle tubazioni rilascia calore all’interno del terreno.

Pompa di Calore per Acqua Calda Sanitaria e Riscaldamento

Pompa di Calore per Acqua Calda Sanitaria e Riscaldamento

 

Fotovoltaico e pompa di calore: un’accoppiata vincente!

La premessa che abbiamo fatto in questo articolo prometteva di svelarti i vantaggi delle case ad impatto zero. Adesso che abbiamo esaminato brevemente il funzionamento degli impianti fotovoltaici e di quelli con pompe geotermiche, scopriamo cosa succede quando entrambi questi sistemi servono la stessa abitazione.

I pannelli solari permettono il cosiddetto “autoconsumo” dell’energia elettrica. Durante il giorno, in condizioni di tempo soleggiato, l’impianto fotovoltaico è in grado di assicurare la produzione di energia necessaria alle attività che vengono svolte in casa in quel momento: piccoli elettrodomestici, TV, lavatrice e così via.

Alla fine del mese, la bolletta è sensibilmente più “morbida”. Se, in più, l’impianto fotovoltaico è completato da un sistema di batterie di accumulo, l’energia prodotta può essere utilizzata anche di sera, ad esempio per l’illuminazione delle stanze, abbattendo definitivamente i consumi per l’elettricità.

Adesso, immagina: hai appena trovato il modo di azzerare i costi della bolletta della luce. E se succedesse così anche per la bolletta del gas?

Ecco che entra in gioco l’impianto con pompa di calore. Estraendo calore direttamente dal terreno, la pompa assicura il riscaldamento domestico, il raffrescamento e la fornitura di acqua calda sanitaria, senza l’utilizzo di una caldaia a gas o di un climatizzatore. Ma la pompa di calore, per funzionare, ha bisogno di energia elettrica. Ed eccoci al dunque.

Se in casa abbiamo già un efficiente impianto fotovoltaico, la pompa di calore funzionerà, praticamente, a costo zero. E zero, o poco più, sarà l’importo della tua bolletta del gas, esattamente come quella della luce!

Sembra incredibile, ma il futuro è già qui. Investendo nelle fonti rinnovabili, le case a impatto zero sono una realtà. Con il solo utilizzo di energie pulite, come il sole e il calore del terreno, viene assicurato tutto il fabbisogno domestico per la luce e il riscaldamento. Con consumi praticamente pari a zero!

Sì, ma… quanto mi costa?

Quando si parla di questo tipo di impianti, un’analisi dei costi può essere fatta solo in maniera approssimativa, perché ogni casa è diversa da un’altra per posizionamento geografico, esposizione solare, condizioni ambientali e strutturali, etc.

Ciò non toglie che un rapido calcolo può evidenziare in maniera esauriente i vantaggi di un sistema combinato fotovoltaico + pompa di calore.

Il costo medio di un impianto fotovoltaico si aggira intorno ai 15.000 euro, ovviamente dipende dalla necessaria metratura dei pannelli solari e quindi si tratta solo di un dato indicativo.

La pompa di calore, invece, ha un costo di circa 800/1700 euro/kW: diciamo che per un grande appartamento o per una villetta, sono necessari altri 15-20.000 euro. Consideriamo però che alcuni apparecchi, come il condizionatore o addirittura la caldaia a gas (se si sceglie un piano di cottura ad induzione) diventano superflui: già questa circostanza comporta un risparmio di circa 10.000 euro.

Se poi si considera il risparmio praticamente totale sulle bollette del gas, così come su quelle della luce, ecco che i due impianti si ripagano nel giro di pochi anni, al max 7 o 8, e il tutto rispettando l’ambiente e rendendo il nostro mondo più pulito.

Efficienza, convenienza, ecosostenibilità: cosa si può volere di più?

Hai ancora dubbi o vorresti ricevere Subito un Preventivo?
Per conoscere i prezzi o solo per ulteriori informazioni, Compila Subito il Form in Basso

Saremo lieti di rispondere alle tue domande e di aiutarti a trovare sempre la migliore soluzione alle tue esigenze!

Acconsento al trattamento dei dati personali * (Privacy Policy)