Tagli sulle Bollette della Luce e del Gas

Continua a scendere il prezzo delle bollette di luce e gas.

Dopo i ribassi già registrati nel primo trimestre del 2016, secondo i dati ufficiali pubblicati dall’Autorità per l’Energia dal 1° aprile vi sarà un’ulteriore riduzione dei costi in bolletta per le famiglie italiane, che vedranno scendere i prezzi delle bollette di luce e gas rispettivamente del 5% e del 9,8%.
Con l’arrivo della bella stagione era lecito attendersi un taglio alle bollette di luce e gas, ma una riduzione di tale portata appare comunque eccezionale in base ai dati rilevati negli ultimi anni.
Secondo l’Autorità per l’Energia, infatti, i ribassi in bolletta sono da imputare al consistente calo del costo delle materie prime, trainato dall’ormai cronica stagnazione del prezzo del petrolio che da diversi mesi si mantiene ai minimi storici.

Un risparmio medio di 67€ annui per le famiglie italiane

L’effetto tangibile dei ribassi sulle bollette di luce e gas sarà un risparmio medio di 67€ per i cittadini italiani. Nello specifico, il costo della bolletta della luce per una famiglia tipo dotata di un contatore da 3 kW e capace di consumare 2700 kWh annui sarà di 502€ (periodo di riferimento Luglio 2015 – Giugno 2016), con un ribasso dell’1,6% (pari a 8€) rispetto all’anno precedente. Per quanto riguarda il gas, invece, l’ammontare della spesa di una famiglia tipo nello stesso periodo sarà di circa 1.076 euro, con una riduzione del 5,2% ed un risparmio in bolletta di ben 59€ rispetto all’anno precedente.
I prezzi potrebbero essere ulteriormente tagliati qualora il Governo decidesse di tagliare le imposte sull’energia, che in Italia raggiungono vette del 40%. Secondo quanto riportato dal Codacons, l’Italia è infatti il paese europeo con la più alta tassazione energetica, con un’aliquota del 34% sul gas e del 37% sull’energia elettrica, cifre che appaiono ben distanti dalla tassazione media nell’Unione Europea che si attesta rispettivamente al 23% e 32%.

Per assicurarsi di pagare sempre poco, l’ideale oggi sarebbe stipulare un contratto a prezzo fisso, così che nel caso questo inverno i prezzi dovessero riprendere a salire, il costo della bolletta non aumenterà. Ma non solo il modo migliore, più efficace e duraturo per spendere meno e per molto tempo è quello di dotarsi di impianti ad efficienza energetica per il riscaldamento e il raffrescamento come ad esempio una pompa di calore o una caldaia a condensazione che a parità di caldo o freddo generato permettono di consumare di meno e quindi spendere meno, oppure montando un impianto solare che consente di consumare quello che si produce e quindi risparmiare effettivamente sulle bollette.

Le cause dei ribassi di luce e gas

Dietro i recenti ribassi di luce e gas vi sono ragioni di natura economica e geo-politica, perfettamente spiegate nel dettagliato rapporto stilato nei giorni scorsi dall’Autorità per l’Energia.
Secondo quando riportato dall’Authority, infatti, i ribassi sono dovuti al crollo eccezionale delle quotazioni delle materie prime, che si traduce in un effetto domino che porta a sua volta ad un calo della richiesta e alla stagnazione economica globale.
Nella fattispecie, i prezzi al dettaglio del gas sono calati drasticamente in virtù del trend al ribasso dei mercati delle commodities energetiche, che per quanto riguarda il gas naturale hanno visto scendere addirittura del 30% le quotazioni previste per il primo trimestre 2016. Sulla scia di questo trend negativo, anche il costo dell’energia elettrica ha subito un drastico calo, dovuto in gran parte all’abbassamento dei prezzi del gas e dei combustibili fossili con conseguente risparmio sui costi di produzione.

 

Confronta Offerte Energia Elettrica Confronta Offerte Gas Metano