Detrazioni Fiscali -65% - EcobonusL’ecobonus, ovvero la possibilità di detrarre il 65% delle spese sostenute per la riqualificazione energetica di un edificio, finalmente trova un po’ di stabilità.
Il Senato infatti ha approvato l’impegno da parte del Governo, di mantenere questa forma di agevolazione fiscale in vigore per l’intero prossimo triennio.
I vantaggi di questa decisione sono evidenti, in quanto in passato il rinnovo di questa agevolazione avveniva sempre verso gli ultimi giorni utili, e questo frenava i lavori di riqualificazione, poiché le pratiche per ottenerla richiedono del tempo e le famiglie rischiavano di non vedersi approvata la detrazione.

Le regole per ottenere l’agevolazione fiscale rimarranno le stesse, il Vice Ministro dell’economia Morando è stato molto chiaro. Entrando nello specifico, ha dichiarato che i tempi in cui la detrazione può essere dilazionata rimarranno sempre pari a 10 anni e non ha dato conferme che possano garantire un futuro, scaduto il termine dei tre anni nel 2019. Nel dire queste parole, ha spiegato anche il concetto che sta dietro questa decisione. Se fosse garantita per sempre la stabilizzazione dell’ecobonus, le famiglie e gli investitori sarebbero portati a rinviare i lavori a posteriori. Con un limite temporale comunque lontano, hanno invece il tempo di organizzare i lavori con la dovuta calma e portarli a termine. Per questa ragione non è stata presa in considerazione l’idea di stabilizzare a tempo indeterminato l’ecobonus.

Riassumiamo ora i principali interventi ammissibili nell’ecobonus:

Iniziamo la lista partendo dalle novità introdotte nel 2016, in quanto finalmente sono state prese in considerazione anche alcune installazioni di impianti di domotica, ovvero tutto quello che permette di controllare le apparecchiature di climatizzazione e riscaldamento dell’acqua calda sanitaria da remoto. In questo caso vi sono delle normative da rispettare riguardo a ciò che tali sistemi devono poter essere in grado di fare.

La riqualificazione totale di un edificio, che ne permetta un effettivo miglioramento in termini di efficienza energetica, può essere detratta per lavori fino ad un massimo di 100.000 Euro di detrazione. Mentre lavori quali la sostituzione degli infissi, la coibentazione di soffitti e pareti e la schermatura solare, possono essere gestiti a parte, fino ad un massimo di detrazione pari a 60.000 Euro.

Sostituire la vecchia caldaia con una nuova a condensazione o a biomassa (pellet ad esempio), è possibile fino ad un tetto massimo di detrazione pari a 30.000 Euro, che è lo stesso limite imposto per gli impianti geotermici e alle pompe di calore. Installare invece un impianto solare termico permette di avere detrazioni maggiori fino a 60.000 Euro.

Detrazioni e cessione del credito:

Dal 2016 è entrata in vigore un’importantissima novità sul discorso ecobonus e detrazione fiscale. Le famiglie che non possono detrarre le spese sul 730 per le più svariate ragioni, possono cedere il loro credito, ovvero la detrazione, alle ditte installatrici, le quali girano al cliente stesso una parte di queste detrazioni come sconto sul prezzo finale.